HOME     ►     GUIDA AL PASSEGGERO     ►     COVID-19

Covid-19

L’aeroporto di Ancona è aperto e regolarmente funzionante, nel rispetto della normativa del Ministero della salute e di ENAC.

Al fine di tutelare la salute dei passeggeri e degli operatori, si invitano i visitatori a verificare le ultime disposizioni in merito e ad attenervisi.

Obblighi del passeggero

È fatto divieto di ingresso in aeroporto a persone che presentino sintomi comunemente associati con il CoVid-19 o con temperatura superiore a 37,5°. Salvo esenzioni di legge (bambini sotto i 6 anni o persone con patologie o disabilità particolari, che ne determinino l’incompatibilità) è obbligatorio l’uso della mascherina di tipo chirurgico o FFP2/KN95/FFP3, indossata in modo corretto a coprire dal naso al mento negli uffici, durante la permanenza in aeroporto e per tutta la durata del viaggio. Per i viaggiatori è consigliabile portare con sé una scorta sufficiente di mascherine, prevedendo la possibilità di sostituzione all’occorrenza. Qualora il passeggero ne fosse sprovvisto, è possibile acquistare una mascherina di tipo chirurgico necessaria per il viaggio presso la biglietteria aeroportuale.

I passeggeri sono incoraggiati ad effettuare il check-in online e ad evitare contatti con gli operatori. Ove possibile, sono inoltre invitati ad imbarcare il bagaglio a mano, in modo da ridurre la quantità di oggetti presenti in cabina. Infine si raccomanda di attenersi rigidamente alle disposizioni della Compagnia riguardo al comportamento da tenere a bordo, al fine di garantire un viaggio sicuro e confortevole.

Dispositivi di sicurezza in aeroporto

È previsto l’utilizzo della porta centrale per l’entrata e delle due porte laterali per l’uscita dal padiglione Partenze. Le modalità di accesso e circolazione nel complesso aeroportuale sono supportate da apposita segnaletica verticale.

Nelle aree di attesa comuni sono disponibili erogatori di gel sanificante per le mani.

Per garantire il distanziamento sociale, la configurazione degli accessi ai controlli di sicurezza, ai gate di imbarco, al controllo passaporti è stata adattata in modo da non consentire assembramenti. Nelle aree check-in e ritiro bagagli è stata predisposta un’idonea segnaletica a terra per contrassegnare la distanza minima da rispettare.

Sia per i passeggeri in partenza che per quelli in arrivo è prevista la rilevazione della temperatura corporea a mezzo termoscanner:

  • i passeggeri in partenza con temperatura pari o superiore a 37,5° non sono idonei all’accesso alla zona imbarchi e dovranno allontanarsi dal Terminal attraverso le porte di uscita laterali, rispettando la distanza prevista dagli altri passeggeri e dal personale in servizio e dovranno contattare il proprio medico curante e il dipartimento di prevenzione della Asl competente per territorio;
  • i passeggeri in arrivo con temperatura pari o superiore a 37,5° vengono affidati alle autorità sanitarie di presidio, che si attiveranno in base alle procedure in vigore.

Presidio sanitario screening tamponi Covid-19

Presso il padiglione Arrivi è disponibile un servizio di screening tramite tampone antigenico e molecolare, attivo dal lunedì al sabato con orario 8.30-17.30. Il servizio è aperto a tutti, passeggeri e non, senza necessità di prenotazione o prescrizione medica. Il servizio è effettuato dal gruppo KOS ed è a pagamento. In caso di voli in arrivo dopo le 17.30, il servizio è comunque garantito. Per ulteriori informazioni, contattare il numero 071-2133551.

Requisiti per il viaggio

La normativa riguardo ai requisiti per i viaggi è soggetta a variazioni, anche improvvise. Si ricorda che in periodo di pandemia tutti i Paesi scoraggiano, se non addirittura vietano viaggi non caratterizzati da motivazioni di urgenza ed essenzialità. Ove il viaggio non possa essere evitato, il passeggero ha la responsabilità di aggiornarsi costantemente sulle normative locali e attenervisi strettamente, anche se ciò dovesse comportare una variazione del programma di viaggio.

Particolare attenzione va riservata al requisito sempre più frequentemente richiesto di presentare all’imbarco la certificazione di un test CoVid-19 con esito negativo: l’inottemperanza in termini di tipologia di test effettuato, certificazione prodotta e tempistiche previste comporta il negato imbarco.

In molti casi è obbligatorio segnalare il proprio arrivo alle autorità sanitarie a destinazione e rispettare il prescritto periodo di quarantena; in caso di inosservanza, oltre che a comportare un rischio per la salute del viaggiatore e di coloro con cui entra in contatto, possono applicarsi sanzioni anche rilevanti. Normalmente è prevista la compilazione di un modulo di autocertificazione e tracciamento, da sottoporre in via telematica in anticipo rispetto al viaggio o in formato cartaceo.

Il sito del Ministero degli Esteri Viaggiare Sicuri raccoglie tutte le disposizioni relative ai viaggi da e per l’estero, e consente l’accesso alle autocertificazioni online o al modulo stampabile per l’ingresso in Italia. In caso di dubbi è sempre opportuno contattare le Autorità del Paese di destinazione.